“L’acciaio inossidabile (acciaio inox) è una lega di ferro e cromo dove la percentuale di cromo supera il 10%. Un lavandino in acciaio inox maltenuto presenterà, indubbiamente, incrostazioni di calcare, aloni e impronte antiestetiche. Una cattiva manutenzione può generare una fastidiosa patina opaca che mina l’aspetto dell’intero lavandino penalizzando la naturale brillantezza dell’acciaio.

Per pulire l’acciaio vi sono dei prodotti da non usare: evitate l’impiego di candeggina e di detergenti chimici eccessivamente aggressivi. Altro fattore che può rovinare l’aspetto del lavandino in acciaio è il calcare. In questo contesto è più difficile giocare di prevenzione, soprattutto se l’acqua che fluisce dal vostro rubinetto è eccessivamente dura. Se avete problemi di incrostazioni di calcare valutate l’acquisto di un addolcitore per acqua da installare a monte della rete idrica domestica. Dopo questa doverosa premessa, vediamo come pulire il lavello in acciaio in modo naturale.

L’aceto bianco per la pulizia del lavandino

In primis, eliminate dal lavandino qualsiasi residuo di cibo. Sciacquate e asciugate il piano d’appoggio e la vasca del lavabo. Dopo aver asciugato bene il lavandino, inumidite un panno con aceto bianco.

Passate il panno sulla superficie in acciaio: l’azione dell’aceto andrà a eliminare quella fastidiosa patina opaca. Mano a mano che strofiniamo, il lavello dovrebbe apparire più lucido. L’aceto funziona un po’ come il classico brilla acciaio che troviamo in commercio, solo che si tratta di un prodotto naturale e sicuro per l’igiene degli alimenti che entreranno in contatto con il lavandino.

Dopo aver passato il panno imbevuto di aceto, passate un nuovo panno asciutto per finire il lavoro.

Il succo di limone per eliminare tracce di calcare

Il succo di limone è perfetto per contrastare i cattivi odori e può essere utile per eliminare eventuali macchie di calcare dal rubinetto e dal lavandino. E’ efficace per eliminare gli aloni lasciati dall’acqua: anche gli aloni rappresentano depositi di sostanze minerali disciolte in acqua. Per risolvere alla radice il problema del calcare in casa, vi consiglio nuovamente l’impiego di un addolcitore idrico.

Per usare il limone, vi basterà spaccarlo a metà e strofinarlo sulla superficie in acciaio da trattare.

Suggerimento:
per raggiungere parti difficilmente accessibili come lo scarico del lavabo o la zona posteriore della rubinetteria, potete usare un comune spazzolino da denti.”
fonte:ideegreen

 

arredamento offerte roma

Facebook
Google+